Language Selector

Acciai per cuscinetti a rotolamento

Campo di applicazione

Componenti che devono soddisfare elevati requisiti di durezza, durata, resistenza all'usura e stabilità dimensionale, come utensili, lardoni, bussole, dischi distanziatori, mandrini, alberi, rulli, ruote dentate, rulli di taglio ecc.

Descrizione

Il 100Cr6 è il classico acciaio utilizzato nell'industria dei cuscinetti a rotolamento. Oltre all'impiego in cuscinetti a sfera, a rullini e volventi, esso è ideale anche per elementi soggetti a usura nell'industria meccanica. Questo tipo di acciaio viene perciò sottoposto alla tempra superficiale o a cuore. Il 100CrMo7-3 è ideale per strati superficiali di notevoli dimensioni.

Proprietà


Saldatura:
Gli acciai per cuscinetti a rotolamento non sono saldabili.

Trattamento termico:
Normalizzazione: 870°-900°C con successivo raffreddamento all'aria.
Ricottura: ricotto a 750°C – 800°C per ottenere cementite sferoidale.
Trattamento di distensione: 600°-650°C con successivo raffreddamento all'aria.
Tempra: 80° - 870°C con tempra in olio

Gamma di prodotti di Stahl-Contor nel Centro servizi di Embrach

 

Numero di materialeDenominazioneStato alla consegnaDimensioni da magazzinoTipiche applicazioni
1.3505100Cr6+ACda 35 mm a 223 mmParti per le quali sono richieste le seguenti proprietà:
• Elevata durezza
• Resistenza all'usura
• Limite di fatica
• Stabilità di forma
• Indurimento mediante tempra a cuore fino a ca. D=40 mm
1.3536100CrMo7-3+ACda 60 mm a 300 mmParti per le quali sono richieste le seguenti proprietà:
• Elevata durezza
• Resistenza all'usura
• Limite di fatica
• Stabilità di forma
Indurimento mediante tempra a cuore fino a ca. D=100 mm
Norma internaOvako 803 (tubo 100Cr6)+ACD esterno = 30 – 200 mmIndurimento mediante tempra a cuore fino a ca. 20 mm
Norma internaOvako 824 (tubo 100CrMo7-3)+ACD esterno fino a 200 mmIndurimento mediante tempra a cuore fino a ca. 50 mm



 

Vaiolatura/pitting

Con il termine pitting si indica la rottura di materiale e la comparsa di microcricche sulla superficie in caso di sollecitazioni tribologiche. Ciò si verifica ad es. con i cuscinetti a rotolamento e le ruote dentate.

La formazione di pitting in caso di sollecitazioni tribologiche viene provocata dal superamento locale della resistenza meccanica del rispettivo materiale a causa della pressione di Hertz tra l'elemento rotolante e l'anello interno o esterno del cuscinetto a rotolamento ovvero tra i fianchi dei denti delle ruote dentate. A tal riguardo è determinante il fatto che, con la pressione di contatto di Hertz, la tensione massima dei componenti non si presenta sulla loro superficie, ma a una profondità caratteristica sotto la superficie.
Oltre alla pressione di Hertz, altri fattori di influenza sono superficidure e penetrazione di tempra, qualità della superficie, errori del profilo del fianco e velocità periferica (con le ruote dentate), viscosità dell'olio, additivazione dell'olio, temperaturae simili.

Il risultato di questa vaiolatura è ben visibile nelle rotaie per ferrovie che infatti, di tanto in tanto, devono essere venire nuovamente rettificate.

In considerazione delle pagine sui prodotti ne risulta a mio avviso una nuova sottostruttura sulla pagina principale "Prodotti", la successione della ponderazione deve essere determinata: